Sabato 28 novembre 2020

0re 11.00

NOI CI SIAMO! CITTADINI SENZA CITTADINANZA

Marwa Mahmoud Consigliera comunale Reggio Emilia

Jovana Kuzman Attivista del movimento Italiani senza Cittadinanza

Maria Chiara Prodi Consiglio Generale degli Italiani all’Estero

Omar Daffe Calciatore

Basma Aissa Vice-presidente Associazione Donne nel Mondo (di Modena)

Coordina Paula Baudet Vivanco giornalista

0re 15.30

SIAMO TUTTI CITTADINI

Voci dall’associazionismo

Introduce Alberto Caldana Presidente Csv Terre Estensi
Intervengono
Fabrizio Coccetti Capo Scout d’Italia Agesci
Vittorio Bosio Presidente nazionale Centro Sportivo Italiano
Francesca Chiavacci Presidente nazionale Arci
Matteo Truffelli Presidente Azione Cattolica Italiana
Adam Atik Presidente Associazione Cittadini del Mondo
Modera Luca Beltrami giornalista

0re 17.00

TAVOLO ATTUALITÀ POLITICA

Giovani generazioni sulla soglia

 

Introducono

Marwa Mahmoud Jovana Kuzman

Stefania Ascari Movimento 5stelle

Graziano Delrio Pd

Maria Chiara Gadda Italia viva

Cecilia Guerra Leu

Coordina Gianfrancesco Zanetti CRID Unimore

CONCLUSIONE DEL FESTIVAL
Edoardo Patriarca Portavoce del Festival della migrazione

La Conferenza stampa di apertura

La conferenza stampa di presentazione del Festival della Migrazione. L’appuntamento metterà al centro i giovani migranti, sia coloro che arrivano in Italia sia i nostri connazionali che si spostano in altri Paesi.

L’obiettivo “è quello di rappresentare la diversità, le sfumature e l’esperienza soggettiva all’interno della migrazione, partendo dal comune denominatore dell’appartenenza all’umanità. Vogliamo sfidare la retorica che riduce i migranti a categorie semplicistiche: nemici attivi o vittime passive”, rileva Alberto Caldana di Porta Aperta.
Quando parliamo di migranti parliamo di persone, di storie, di volti. E puntare l’attenzione sui giovani è ancora più importante: sono migranti che approdano in Europa per cercare un futuro migliore, sono italiani che qui non trovano prospettive e le cercano altrove”, aggiunge da parte sua il portavoce del Festival, Edoardo Patriarca.
Ricordando l’adesione alla rete delle Città interculturali, recentemente rinnovata dal Comune, e l’iniziativa delle cittadinanze onorarie conferite, al decimo anno d’età, ai bambini nati in Italia che studiano nelle scuole modenesi, il sindaco Gian Carlo Muzzarelli sottolinea “il valore simbolico dell’iniziativa, stimolo al Parlamento affinché metta mano finalmente mano a una legge che consenta di arrivare in tempi ragionevoli a concedere la cittadinanza a giovani che si sentono e sono italiani”. Un modo, per il sindaco, di avviare concretamente percorsi di integrazione “raccogliendo pienamente la sfida dei diritti e dei doveri”.

I numeri del Festival 2019

1

MEDAGLIA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

37

SESSIONI TRA EVENTI, PRESENTAZIONI, SEMINARI, SPETTACOLI, MEETING

54

RELATORI PER UN TOTALE DI 56 ORE DI REGISTRAZIONI VIDEO

2500

STUDENTI E CITTADINI COINVOLTI NEI LABORATORI

5000

PRESENZE AL FESTIVAL

230

PARTECIPANTI AL SECONDO PRANZO DEI POPOLI

4

PROIEZIONI DI FILM E DOCUMENTARI

5

LIBRI PRESENTATI

58

ASSOCIAZIONI ED ENTI ADERENTI

Il Manifesto

Il Festival della migrazione – nato come momento di studio, tutela e promozione del diritto al viaggio – è una voce consapevole espressa dalla società civile sui fenomeni migratori. L’idea di fondo è stata quella di contribuire al dibattito pubblico sul tema, in modo da non lasciare la discussione solo a forze sociali e politiche che hanno per loro natura legittimi obiettivi specifici (o di parte) non direttamente collegati alla realtà profonda del fenomeno.

promotori

INT

con il patrocinio di

Città di Carpi VERTICALE c
logo-nonantola

con il contributo di

marchio_RER_2009SI
Bper

con il sostegno di

2020-Logo-Terre-Estensi-1
logo@2x

media partners

nigrizia-logo-300x111-1-300x111
Buone-notizie